homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Nardò Today

Violentata e ripresa nell'ingoriare feci. Ecco come 31enne torturava la donna

Le raccapriccianti fasi della storia di Nardò, conclusa ieri con l'arresto di Alexei Florea

Un momento della conferenza stampa in questura

NARDO’ – Si chiude la prima fase di una delle storie più crude della cronaca locale. Un finto amore caratterizzato dall’ambivalenza di chi, da un lato diceva di amare e accudire, dall’altro si sarebbe servito di una donna per dare sfogo a feroci perversioni. Alexei Florea, il 31enne romeno accusato di aver violentato e torturato una sua connazionale, è ora in stato di fermo di polizia giudiziaria con le accuse di violenza carnale, riduzione in schiavitù e sequestro di persona.

La storia, ormai nota alla comunità salentina, comincia alle cinque e mezzo della mattina di ieri. Quando una donna di 42 anni si presenta scalza, semivestita, al portone del commissariato di Nardò. Quegli istanti che hanno separato il suono del campanello dall’apertura della porta da parte dl piantone le devono essere apparsi interminabili. L’agente, davanti alla donna terrorizzata, ha carpito l’emergenza. Un’autoambulanza è stata fatta giungere immediatamente sul posto e la vittima accompagnata presso l’ospedale di Copertino, dove le sono state riscontrate escoriazioni e ferite di ogni tipo. Il suo aguzzino l’ha sottoposta a ogni forma di sopruso e umiliazione: da quelle psicologiche a evidenti torture fisiche che non sono le uniche ad aver lasciato cicatrici indelebili.

FLOREA Alexei occhi coperti 243-3Quella relazione maledetta comincia nel mese di agosto quando la donna, separata ormai dal marito e con due figli che vivono in Romania, si innamora di quel connazionale più giovane. Quest’ultimo, formalmente disoccupato, collabora di tanto in tanto con una palestra del posto. Fisico imponente e statuario, coltiva l’hobby di un’arte marziale. Un inizio da favola, un idillio come molte storie d’amore. Ma i problemi, tra i due, subentrano già nel mese di ottobre, quando  durante un litigio, il 31enne colpisce con violenza la donna alla nuca. Lei resta stordita per diversi minuti, ma non denuncia l’episodio.

Lui, di contro, decide di farsi perdonare. Non con un romantico mazzo di rose, bensì recapitandole una somma in denaro di 200 euro. La storia prosegue, e nel periodo di Natale comincia una convivenza saltuaria che diventerà poi definitiva lo scorso 17 gennaio. Data in cui la vittima lascerà il suo lavoro come badante presso una famiglia di Nardò. Da un lato il suo compagno le garantisce il sostentamento. Dall’altro la esorta ad abbandonare quella mansione perché è geloso: sospetta che la 42enne abbia avuto una relazione con uno dei membri della famiglia presso cui lavorava. Ma è in una domenica di fine gennaio che precipitano gli eventi.

L’ennesima sfuriata da parte del ragazzo. Afferra la donna e le taglia i capelli per umiliarla, dopo averla picchiata selvaggiamente. Le orina sul viso e poi, come se non avesse già sfiorato i limite del raccontabile, le versa della coca cola addosso. Per abusare di lei e lasciarla indifesa e sola, le somministra persino delle benzodiazepine. Da quel momento le angherie non cessano più. Il giorno dopo, standole sempre addosso, il 31enne accompagna la sua fidanzata presso un parrucchiere, per farle sistemare il taglio. Poi, una volta rientrati in casa, ricomincia l’incubo.

DSC_0039-4La picchia e la violenta a più riprese, provocandole lesioni sul corpo, inguine compreso, anche con delle forbici e una gruccia appendiabiti in legno. Poi le immobilizza arti e ginocchia con del nastro adesivo spesso, la avvolge in un lenzuolo. Le dice: “Tu non hai diritto di vivere. O ti prostituisci, o ti butto in mare”. Di fatto carica la donna in spalla, e si avvia verso la sua autovettura. Poi desiste davanti alla sua compagna che gli implora pietà. Ma il peggio deve ancora arrivare.

Accompagna la malcapitata presso un negozio di articoli per la casa e la costringe ad acquistare fard e fondotinta per nascondere i lividi sul volto e sul corpo. Alcune clienti presenti nell’esercizio notano le ferite su quel volto impaurito. Tanto che la commessa  le fa lo sconto impietosita da quella scena. Giunta in casa con i suoi cosmetici, però, la vittima deve ancora fare i conti con il suo aguzzino. Il quale, dopo aver defecato in un piatto, la costringe a imboccare, con un cucchiaio, i suoi escrementi. L’arrestato ha ripreso la scena con uno smartphone, e ha inviato quel video a un uomo che lui considerava un rivale in amore.

La sottopone ad altre violenze sessuali e poi, solo all’alba del giorno dopo, crolla sfinito e consumato da tutte quelle sevizie. E’ in quell’istante che la donna si allontana dal letto, fingendo di preparare un caffè. Riesce a recuperare il mazzo di chiavi e il pantalone di un pigiama. Fugge dalla casa di via Carlo Poerio, in direzione del commissariato di polizia, che si trova a circa 250 metri di distanza, e bussa terrorizzata.

Gli agenti, coordinati dal vicequestore aggiunto Pantaleo Nicolì, hanno immediatamente richiesto l’intervento dei medici. Altri colleghi, intanto, hanno raggiunto l’abitazione, sperando di rintracciare Florea. Ma il 31enne non è stato trovato. E’ stato intercettato poco dopo, all’esterno della casa degli orrori, in compagnia di sua madre, anche lei residente a Nardò. Stava per montare a bordo della sua Laguna, dopo aver recuperato i bagagli dall’appartamento.

Oltre alla vettura, i poliziotti neretini hanno posto sotto sequestro anche una somma di circa tremila euro, di cui non si conosce la provenienza. Il pm presso la Procura della Repubblica di Lecce ha disposto il fermo del 31enne nella tarda serata di ieri. Ma ulteriori accertamenti sono ancora in corso per chiarire se vi siano anche dei complici nella vicenda. Gli inquirenti stanno continuando ad ascoltare tutti i cittadini coinvolti, loro malgrado, in questa storia: dal parrucchiere, alla commessa che ha ceduto il fondotinta, fino agli ex datori di lavoro della vittima. Quest’ultima, intanto, ha lasciato l’ospedale di Copertino per essere trasferita in una struttura protetta. Nel tentativo di tenerla lontana, almeno per ora, da timori ed incubi che la attanaglieranno fino a chissà quando.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (15)

  • E' proprio impossibile estradarlo e consegnarlo nelle mani della polizia della Romania, uno perchè se lo mettono in carcere lo dobbiamo mantenere noi e secondo le nostre prigioni sono degli hotel nei confronti di quelle romene.

    • Magari poterlo consegnare alla giustizia rumena. Li di sicuro avrebbe la giusta punizione...

  • si castrano gli amici a 4 zampe...e nn castrate gli essere umani ke fanno più danno ke altro??? gente così deve esser messa in un isolamento fino alla fine...

  • Ci sono alcuni personaggi che sembrano fuoriusciti direttamente dalla pentola di Satana. Immagino che il difensore di costui dovrà dar fondo a tutto il proprio bagaglio professionale per impostare una difesa minimamente accettabile.

  • basta omertà,dobbiamo difendere le donne da questi maniaci..peccato non ci sia la legge del taglione

  • Buttate le chiavi. Gente cosi neanche se sta in carcere 30 anni cambia. Sicuramente lo metteranno in liberta a breve per poi fare qualche danno piu grosso se non proprio qualche morto. Buttate le chiavi

  • Nn posso commentare come vorrei sarei censurata....lascerei solo il tronco di questo

    • Il mio commento infatti non é passato ma spero tanto che vada in galera e che gli venga servito lo stesso piatto che ha servito alla sua "compagna"

  • Ma la mamma era al corrente di tutto? Allora 30 anni anche a lei

  • Speriamo che non trovi nemmeno l'avvocato per difenderlo, ma un giudice "clemente" che gli dia almeno 30 anni (da scontare fino al 4 febbraio 2046: TUTTI)

  • Storia raccapricciante al limite della veridicità se a raccontarla non fossero gli uomini della Polizia di Stato del commissariato di Nardò. Gli stessi uomini che riconosco in foto che prima indagano su chi cerca di commettere un'estorzione e improvvisamente diventano psicologi davanti ad una donna vittima di tali abusi. Uomini in divisa e non pronti che camaleonticamente si adeguano alle situazioni che giornalmente gli si propongono. Una squadra di P.G. quella di Nardò che con il dottor Nicoli' non esita ad aiutare, come di dovere, chiunque abbia bisogno. Voi chiamateli pure sbirri, per le vittime restano ANGELI. GRAZIE.

    • ci sono tanti poliziotti di buona volontà, capacità e condotta morale, ma il sistema non li supporta anzi sfavorisce la loro iniziativa

  • Sono contro queste cose ma a leggere roba del genere capisco che davvero per alcuni soggetti bisogna rispondere con la stessa moneta, tagliategli gli attributi.

    • ci vorrebbe la legge del taglione

    • Lei pensa che quel tipo li abbia gli attributi? Se li avesse avuti non avrebbe abusato della signora in questione, li avrebbe usati per farsi avanti nella vita e migliorarsela.Solo gente senza @@ picchia e violenta le donne.Oltretutto non sanno neanche cosa sia averne di...attributi!

Notizie di oggi

  • Cronaca

    La casa a "luci rosse"? Affittata alle prostitute da magistrato e moglie

  • WeekEnd

    Mostre, concerti e manifestazioni. Inizia il primo week end di luglio

  • Cronaca

    Presunte mancate cure sull'anziano deceduto: la famiglia chiede la verità

  • Incidenti stradali

    Tamponamento sulla tangenziale ovest: auto distrutte, due in ospedale

I più letti della settimana

  • Mellone nomina la giunta: quattro gli assessori esterni, tre le donne

  • Rapina in casa di un 86enne sfociata nel sangue, condannati a 14 anni

    Torna su
    LeccePrima è in caricamento