Nardò Today

Boncuri, la stagione lavorativa è alle porte. Diritti a sud sollecita istituzioni

L’associazione, che gestisce la masseria nelle campagne di Nardò, attende risposte dal tavolo convocato il 10 aprile dal prefetto

Masseria Boncuri, a Nardò

NARDO’ – L’estate è alle porte e la stagione di raccolta nelle campagne neretine che incombe preoccupa i componenti dell’associazione “Diritti a sud” che, da cinque mesi, gestisce la Masseria Boncuri nell’ospitalità dei lavoratori stagionali, fornendo loro anche un servizio legale, psicologico e psicolegale. Il team sollecita le istituzioni a risposte urgenti dal momento che “Ancora una volta sembrano distratte e l'organizzazione di un sistema di contrasto delle dinamiche di sfruttamento e asservimento dei lavoratori migranti stagionali tarda a fare capolino”. Il timore è dunque quello di una improvvisazione gestionale last-minute, per far fronte a un’emergenza che, invece, si poteva prevedere.

Le aspettative convergono sul tavolo territoriale convocato per il prossimo 10 aprile dalla prefettura di Lecce, per poter ottenere risposte sulla strategia per l'accoglienza imminente dei lavoratori stagionali e quali i modelli che possano contrastare le dinamiche di sfruttamento e asservimento dei braccianti.Da luogo simbolo delle lotte dei lavoratori contro lo sfruttamento e il caporalato, Boncuri è diventata casa per i sedici migranti che ci vivono stabilmente e punto di riferimento per quelli che gravitano nella zona di Nardò.