Notizie da Nardò

Furto di energia elettrica in tre negozi e casa: per rubare sistemi studiati ad arte

Quattro individui di Nardò sono stati denunciati dagli agenti del commissariato. Con diverse tecniche hanno sottratto energia per 72mila euro

Il contatore manomesso

NARDO’ – Gli agenti di polizia del commissariato di Nardò, nel corso degli ultimi mesi, hanno condotto un’indagine che ha portato alla denuncia di quattro individui indagati per furto aggravato di energia elettrica. Le attività di indagine sono nate dal riscontro di alcune anomalie inerenti la distribuzione ed il consumo di energia. Si è dato quindi vita ad una serie di sopralluoghi effettuati assieme ai poliziotti neretini, guidati dal vicequestore aggiunto Pantaleo Nicolì e  ai tecnici dell’Enel. In tre esercizi commerciali e in un’abitazione privata, riscontrate anomalie, nel giro di pochi mesi di attività investigativa.

Ancora più sorprendente il metodo con cui si rubava l’energia elettrica: in un caso era stato apposto un magnete,  abilmente nascosto in un diffusore deodorante per ambienti, sul contatore. In un altro, i trasgressori avevano bypassato direttamente il contatore, tramite un cavo che portava l’energia all’interno dell’esercizio pubblico. Ma il sistema tecnologicamente “più evoluto” è risultato quello realizzato dal proprietario di una casa: aveva realizzato un metodo per eludere i conteggi del dispositivo.  

Infatti il cavo era collegato ad un dispositivo elettronico, comandato da un interruttore che permetteva, di volta in volta, di inserire o disinserire il ponte elettrico realizzato a regola d’arte  e completamente murato e invisibile dall’esterno. In sostanza, in caso di controlli il proprietario premendo il pulsante avrebbe potuto inserito o disinserito il contatore a suo piacimento.  Le quattro persone indagate, sono state deferite per il reato di furto aggravato di energia elettrica. Inoltre, dai conteggi effettuati da Enel. i quattro denunciati dovranno restituire l’equivalente del valore dell’ energia elettrica sottratta che ammonta complessivamente a oltre 72mila euro.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • scusate ma perche deve costare tanto la corrente? per quello che si quadagna al sud italia. non dovrebbe costare neanche la meta

  • Hanno fatto benissimo. Lo stato italiano non ha ancora capito che più mi rubi e più ti rubo!!!!

    • tu non rubi allo stato ma agli altri utenti tuoi simili, lo stato siamo noi, la collettività. Se tu non paghi pago io per te. capito mi hai???

  • Proprio alla luce del sole,.

  • Insomma le studiano tutte ,pur di fregare il prossimo come se gli altri sono meno esperti , che non sanno controllare mavisto il modousato ,adessoil doppio Dovete far pagare e lascateli al buio

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Uccide la moglie e poi si toglie la vita: la tragedia nel centro di Zurigo

  • Cronaca

    Controlli a raffica, nel Salento oltre 1 milione di pezzi sequestrati

  • Politica

    Nuovo strappo di Quintana. “In maggioranza troppa arroganza. Via dalle commissioni”

  • Economia

    Cresce il numero delle aziende in provincia di Lecce. Favorito il settore agricolo

I più letti della settimana

  • Macabra scoperta: ragazzino di 15 anni trovato senza vita nel letto dei genitori

  • Sgominata banda dei furti: tra gli otto arrestati anche il custode del depuratore di Taviano

  • Uccide la moglie e poi si toglie la vita: la tragedia nel centro di Zurigo

  • Scandalo del gasolio non raffinato: arrivano i primi risarcimenti

  • “Da Totò” spegne l’ultimo fornello. La città piange la morte lo storico ristoratore

  • Chiuso il cerchio sullo spaccio nelle Giravolte: in tre finiscono nei guai

Torna su
LeccePrima è in caricamento