Notizie da Nardò

Incarico dirigenziale a tempo: il vice presidente del consiglio presenta esposto

Venti di polemica al Comune di Nardò: sarebbe stata aggirata e forzata la procedura di reclutamento nella pubblica amministrazione

Il Comune di Nardò.

NARDÒ – Il vice presidente del consiglio comunale di Nardò, Giancarlo Marinaci, ha presentato un esposto sulla vicenda dell’incarico dirigenziale attribuito dal sindaco di Nardò, Pippi Mellone, a un funzionario comunale con decorrenza a partire dal 1 di agosto.

A magistratura, Corte dei Conti, Autorità anticorruzione, prefetto di Lecce e revisori comunali, viene chiesto di verificare la legittimità del conferimento. Secondo lo scrivente sarebbe estata elusa o quantomeno forzata la procedura di reclutamento nella pubblica amministrazione, ma anche aggirata la giurisprudenza amministrativa e quella costituzionale.

Marinaci sottolinea come l’avviso pubblico per l’incarico di dirigente a tempo determinato extra dotazione organica abbia escluso i dirigenti in servizio, gli aspiranti esterni e anche gli altri numerosi funzionari di categoria D. In pratica ci sarebbe stato un bando su misura.

Nel suo esposto, il vice presidente del consiglio comunale precisa che “sia lo Statuto comunale che il Regolamento sull’Organizzazione degli Uffici e dei Servizi non prevedono il conferimento di incarichi dirigenziali, ancorché temporanei, a dipendenti comunali di categoria D1, in linea peraltro, con quanto più volte sentenziato dalla Suprema Corte di Cassazione, per la quale nell’ambito del Pubblico Impiego contrattualizzato il conferimento di mansioni dirigenziali ad un funzionario direttivo è illegittimo.

Quanto sopra sarebbe confermato dalla Corte Costituzionale per la quale “nessun dubbio può nutrirsi in ordine al fatto che il conferimento di incarichi dirigenziali nell’ambito di un’amministrazione pubblica debba avvenire previo esperimento di un pubblico concorso, e che il concorso sia necessario anche nei casi di nuovo inquadramento di dipendenti già in servizio. Anche  il passaggio ad una fascia funzionale superiore comporta  l’accesso ad un nuovo posto di lavoro corrispondente a funzioni più elevate ed è soggetto, pertanto, quale figura di reclutamento, alla regola del pubblico concorso”.

Potrebbe interessarti

  • Balneazione, un pericolo da non sottovalutare: le correnti di risacca

  • Danneggiata l'edicola votiva della “Pietà” nel centro storico di Lecce

  • Pannelli fotovoltaici: come funzionano e i vantaggi

  • Codacons: tariffe telefoniche in grave aumento

I più letti della settimana

  • Infarto per una bimba di 1 anno. Anche un bagnante rischia malore davanti alla scena

  • Violento impatto fra un'Audi e uno scooter: muore il centauro

  • Bambino pesca un osso in mare. E si scopre essere una tibia umana

  • Un tuffo dall’alta scogliera: lesioni cervicali per un 16enne

  • Lei sul materassino spinto al largo, lui rischia di affogare per salvarla

  • Ricercato in Francia ma nel Salento per vacanza in Porsche: polizia lo aspetta all’uscita dall’acqua

Torna su
LeccePrima è in caricamento