Notizie da Nardò

Il fuoco colpisce lo stabilimento “Litos”: danni a pedana e a un deposito

L'incendio è divampato intorno alle 6, in località "Serra Cicora", nella marina di Nardò. Le indagini nelle mani della polizia

Fotografie di Antonio Quarta.

TORRE INSERRAGLIO (Nardò) – La colonna di fumo è stata notata a distanza. Per un effetto ottico, sembrava fuoriuscire dagli scogli. Ad andare in fumo, il noto stabilimento “Litos”, in località “Serra Cicora” di Torre Inserraglio, una delle marine di Nardò. Il rogo è divampato poco dopo le 6 del mattino, per motivi che non sono ancora del tutto chiari. Il fuoco, almeno stando ai primi riscontri, potrebbe essere partito da un magazzino nel quale era stato depositato il materiale elettrico utile, proprio in questi giorni, per gli ultimi allestimenti prima dell’avvio della stagione estiva. La corrente elettrica era in funzione, così come hanno potuto appurare i pompieri.

I vigili del fuoco del distaccamento di Veglie, i primi ad essere stati allertati, non escludono possa essersi trattato di un incidente, forse provocato da cortocircuito. Va però da sé che anche altre piste non possono essere escluse a priori sebbene, al momento, gli inquirenti non abbiano rinvenuto nulla di sospetto che possa “certificare” il dolo.

Sul luogo dell’incendio, per diverse migliaia di euro coperti tuttavia da polizza assicurativa, gli agenti di polizia del commissariato di Nardò, diretto dal vicequestore aggiunto Pantaleo Nicolì. Il personale è stato poi raggiunto anche dai colleghi della sezione scientifica, per ulteriori sopralluoghi.

La zona dello stabilimento è del tutto isolata: non vi sono videocamere installate poiché non si tratta di una zona antropizzata. L’ora dell’accaduto, inoltre, non rende semplici le indagini. Gli investigatori della questura, intanto, hanno ascoltato il proprietario del lido per sapere se, di recente, possa essere stato il destinatario di messaggi intimidatori o richieste estorsive. Ma l’imprenditore non avrebbe mai ricevuto nulla di simile. Poco più di un mese addietrò, nella notte fra il 17 e il 18 marzo, è andato completamente in fumo anche un altro, celebre lido: il Buena Ventura di San Foca. In quell'occasione, però, i danni hanno raggiunto cifre da capogiro poichè hanno divorato l'intera struttura, devastandola.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolge grosso cane che attraversa la via e finisce su un muro: grave 21enne

  • Sferra coltellata all'addome del barista: operato all'intestino, arrestato 47enne

  • Breve temporale, ma il fulmine si abbatte sulla casa: impianto elettrico fuori uso

  • Eroina, cocaina e marijuana: tre arresti, segnalati i due acquirenti

  • Salento in lutto per la perdita di Luigi Russo, protagonista di lotte per ambiente e diritti

  • Ruba offerte e collanina, poi urina sull’altare: denunciato dopo un controllo nel “compro oro”

Torna su
LeccePrima è in caricamento