Notizie da Nardò

Incidente: 17enne di Nardò in nottata al "Vito Fazzi"

Si complica il quadro del giovane coinvolto ieri nello schianto insieme al 21enne, quest'ultimo deceduto. E' stato portato da Copertino a Lecce per consulenze, per poi fare ritorno al primo ospedale

E' stato portato in nottata dall'ospedale di Copertino al "Vito Fazzi" di Lecce, Francesco P., il 17enne di Nardò coinvolto sulla Copertino-Sant'Isidoro in un gravissimo incidente stradale nel tardo pomeriggio di ieri con un suo amico 21enne, Marco Petranca, che purtroppo è spirato poco dopo l'impatto. Il minorenne neretino presenta fratture multiple su diverse parti del corpo ed il quadro si è aggravato nel corso della nottata. Il trasporto presso il "Vito Fazzi" s'è quindi reso necessario per alcune consulenze a livello ortopedico. Dopo la visita, Francesco P. è stato ricondotto in ambulanza presso il nosocomio di Copertino. La prognosi non è stata sciolta.

Lo scontro tra i due mezzi si è verificato intorno alle 17 di ieri sulla Copertino-Sant'Isidoro, all'altezza dell'incrocio con la Nardò-Avetrana, a circa un chilometro dalla marina di Porto Cesareo. Marco Petranca e Francesco P. viaggiavano su uno scooter Yamaha, in direzione di Nardò, quando all'improvviso si è verificato lo schianto con una Renault Clio che si apprestava a ripartire in direzione di Copertino. Illeso il conducente dell'auto. Petranca ha invece perso la vita durante il trasporto al "Vito Fazzi" di Lecce, nonostante indossasse il casco, come lo stesso 17enne tuttora ricoverato. La dinamica dell'incidente è al vaglio della polizia municipale di Nardò, intervenuta sul luogo della tragedia insieme con i carabinieri della stazione di Porto Cesareo ed i mezzi del 118.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sommozzatore in un pozzo: all’interno i resti del piccolo Mauro?

  • Violento schianto in centro, coinvolto il musicista Nando Popu

  • Forestali, denunce a raffica. E sequestrate 98mila piantine di melograno

  • Mezzo chilo di droga, pistole e munizioni: in manette zio e nipote

  • La barca s'incaglia, i tre pescatori tornano a riva sfidando il mare gelido

  • Carabiniere e “Le Iene” sott’accusa, chiesti 100mila euro di risarcimento

Torna su
LeccePrima è in caricamento