Notizie da Nardò

Malore a riva, 34enne rischia di annegare: in Rianimazione al Fazzi

Il giovane è stato riportato a riva da tre persone che si sono subito fiondate in acqua, questa mattina intorno alle 8.10, quando l'hanno visto riverso. Aveva già bevuto molta acqua salata. Sul posto i sanitari del 118 e gli agenti di polizia del commissariato locale

Santa Caterina.

SANTA CATERINA (Nardò) – L’hanno salvato in extremis in tre, riportandolo in spiaggia e con manovre di rianimazione per farlo riavere, in attesa che arrivasse il 118 per il trasporto in ospedale. Ora è ancora grave, tenuto sotto osservazione nel reparto di Rianimazione del “Vito Fazzi” di Lecce.

Nonostante si trovasse in un tratto molto bassa, praticamente a riva, B.S., 34enne neretino, aveva già ingerito molta acqua salata. Con ogni probabilità è stato colto da un malore improvviso e per questo ha perso i sensi, finendo con la testa in mare e rischiando così di annegare. 

Sono stati momenti molto drammatici quelli vissuti nella prima mattinata a Santa Caterina, marina di Nardò. Intorno alle 8,10, il giovane si trovava con i piedi a mollo in un tratto basso, nei pressi del porticciolo della nota meta di vacanze estive del Salento.

All’improvviso, qualcuno l’ha visto riverso. Tutto è accaduto in un istante. Ed ha subito chiesto aiuto. La situazione è apparsa molto delicata, il timore era che fosse accaduto l’irreparabile. Per fortuna a quell’ora c’erano già diverse persone e ben in tre si sono catapultati in acqua per soccorrerlo: un istruttore di una scuola diving locale, un turista e un cittadino di Nardò, che l’hanno trascinato a riva liberando le vie aeree da buona parte dell’acqua.

Sul posto, oltre ai sanitari, che l’hanno preso in consegna volando in codice rosso verso il nosocomio di Lecce, sono poi intervenuti anche gli agenti di polizia del commissariato locale per tutti gli accertamenti di rito. Il giovane, che ha qualche problema cognitivo, è molto conosciuto a Nardò, per molti è quasi una mascotte. E’ un ragazzo molto vicino alla squadra di calcio locale ed è benvoluto da tutti. E ora in tanti sono in ansia per le sue sorti.  

Potrebbe interessarti

  • Un traguardo dopo l'altro: Lele dei Negramaro pronto alla 9 chilometri

  • Uova: quante ne possiamo mangiare e come cucinarle

  • Bidoni della spazzatura, i metodi per averli sempre puliti e igienizzati

  • Come annaffiare le piante quando sei in vacanza

I più letti della settimana

  • Automobile si ribalta fuori strada, muore giovane madre di 33 anni

  • Torna il maltempo, allerta arancione: forti temporali attesi a partire da ovest

  • Frontale al rientro dal mare, donna di 38 anni grave in Rianimazione

  • Perde il controllo dell’auto e si ribalta: un 27enne in Rianimazione

  • Boato in piazza, esplode una bombola da sub: auto sventrata

  • Autovelox su statali e provinciali: ridefiniti i tratti dove possono essere installati

Torna su
LeccePrima è in caricamento