Notizie da Nardò

Nardò: vaglio-dell'anna, scontro sulla spazzatura

Accuse fra sindaco e leader dell'opposizione. Il primo cittadino: "Incrementi sulla tassa? Colpa della vecchia amministrazione Dell'Anna". La replica: "Vaneggia. Anche la sua maggioranza lo attacca"

E' polemica senza fine tra il sindaco Antonio Vaglio e il leader dell'opposizione in consiglio comunale, Rino Dell'Anna. Alle radici dell'ennesimo scontro verbale sarebbe l'aumento della tassa sulla spazzatura, che nel comune neretino ha toccato il 40 per cento.

Il sindaco, in seguito alle agitazioni dei cittadini che qualche giorno addietro hanno anche manifestato davanti a Palazzo Personè, aveva dichiarato: "Per gli incrementi sulla tassa i cittadini devono solo ringraziare l'onorevole Dell'Anna, tutto questo è figlio degli anni di sua amministrazione". Parole che hanno suscitato la risposta del numero uno forzista: "Ormai la misura è colma - afferma Dell'Anna -, il sindaco Vaglio non è credibile agli occhi dei cittadini, ed utilizza questi espedienti per scaricare le sue inefficienze amministrative, che gli sono state rinfacciate anche dalla sua stessa maggioranza. E' noto a tutti infatti - continua - che il consigliere diellino Maurizio Leuzzi abbia presentato in Consiglio un'interrogazione sull'inaccettabile piano del traffico che nei giorni di punta ha congestionato le marine".

La soluzione? "Ho proposto - conclude Dell'Anna - di convocare un consiglio comunale all'aperto, in Piazza Salandra, dove i cittadini possano prendere parte per capire di chi sono effettivamente le responsabilità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sommozzatore in un pozzo: all’interno i resti del piccolo Mauro?

  • Violento schianto in centro, coinvolto il musicista Nando Popu

  • Forestali, denunce a raffica. E sequestrate 98mila piantine di melograno

  • Mezzo chilo di droga, pistole e munizioni: in manette zio e nipote

  • La barca s'incaglia, i tre pescatori tornano a riva sfidando il mare gelido

  • Carabiniere e “Le Iene” sott’accusa, chiesti 100mila euro di risarcimento

Torna su
LeccePrima è in caricamento