Notizie da Nardò

Palude del Capitano, rifiuti dietro il muretto a secco: trovato il responsabile

Guardie ecologiche e zoofile avevano trovato il materiale da cui sono emerse le prove per identificare l'autore dell'abbandono nel parco di Portoselvaggio

PORTOSELVAGGIO (NARDÒ) – Le prove per individuare il responsabile sono emerse proprio dao rifiuti nascosti in grandi buste nascoste dietro un muretto a secco e poi trovate dalle Guardie Ecologiche Volontarie Endas e dalle Guardie Zoofile Agriambiente in località Palude del Capitano, all’interno del parco di Portoselvaggio.

La sanzione comminata dal Comune di Nardò all’autore dell’abbandono è stata di circa 650 euro e si procederà anche a un accertamento per verificare la posizione rispetto alla tassa sui rifiuti.

Per fortuna però, ci sono anche azioni positive da raccontare: nella giornata di domenica, in quattro ore di lavoro, sedici volontari dell’associazione “aMare Pulito” hanno raccolto circa dieci tonnellate di rifiuti dai margini di via Castellino. Nonostante lo sforzo fatto sarà necessaria una seconda tornata, sempre con il supporto dell’amministrazione comunale che ha fornito sacchi e guanti per la raccolta.

“Contro l’inciviltà - dice l’assessore all’Ambiente Mino Natalizio - siamo in prima linea con tutti gli strumenti a disposizione: controlli e repressione dei comportamenti vietati, volontariato e partecipazione, oltre a una costante opera di sensibilizzazione a tutti i livelli. È una battaglia senza quartiere e molto importante, in palio c’è la difesa del nostro territorio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Droga ed estorsioni, maxi operazione della polizia: 72 ordinanze

  • Agguato in autostrada ai tifosi del Lecce: un mezzo dato alle fiamme

  • Riti di affiliazione mafiosa e mire del clan su concerti e bische. "La Scu è ancora viva"

  • Malore alla guida, schianto sullo spartitraffico: 25enne in codice rosso

  • Due sinistri di ritorno dal mare: un uomo deceduto, l’altro gravemente ferito

  • Covid-19, chi rientra dalle zone colpite deve comunicarlo ai sanitari

Torna su
LeccePrima è in caricamento