Notizie da Nardò

Prova del dna conferma: scorribande di un lupo nelle campagne neretine

Dall'Istituto zooprofilattico sperimentale di Taranto la certificazione: l'ovino trovato dilaniato è stato ucciso da un esemplare di lupo comune

Nella foto, fatta a settembre, un esemplare che potrebbe essere di lupo comune, nelle campagne di Boncore.

BONCORE (Nardò) – Ora c’è anche la prova del dna. Il lupo è tornato nel Salento: lo hanno confermato i campioni prelevati dal personale del servizio veterinario della Asl Lecce su alcuni resti di una pecora aggredita e uccisa nelle campagne in località "Fattizze" ad agosto.

La certificazione arriva dalla sezione di Taranto del’Istituto zooprofilattico sperimentale di Puglia e Basilicata (in collaborazione con quella di Rieti). Si tratta di una evidenza scientifica che corrobora gli avvistamenti del gruppo di lavoro incaricato dall’ente Parco Otranto-Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase e che fa anzi pensare che gli esemplari possano essere di più di quelli immortalati dalle fotocamere. Il lupo è una specie particolarmente protetta dalla legge regionale del 1998.

"Un lupo isolato – ha spiega Daniele Tondo, direttore del servizio venterinario Arean Nord – era stato individuato, fotografato e segnalato da tempo, ora abbiamo la prova scientifica della sua presenza e, probabilmente, che si tratti di un piccolo branco proveniente da altri territori, dalla Basilicata al Tarantino, in cui vi erano state numerose segnalazioni. 

L’assessore all’Ambiente del Comune di Nardò, Mino Natalizio, ha commentato con soddisfazione la conferma arrivata da Taranto, ma ha subito voluto tranquillizzare gli allevatori ricordando che nel 2015 sono stati stabiliti i criteri per gli indennizzi dei danni provocati da fauna selvatica, il cui accertamento spetta al servizio veterinario.

“Il ritorno di una specie protetta – ha ricordato l’esponente della giunta - è sempre una buona notizia, un indicatore ambientale indubbiamente positivo per tutto il territorio salentino. Il fatto che si tratti di un canis lupus non deve assolutamente scatenare sindromi e paure di nessun tipo, visto che in Italia la mortalità dei lupi per cause antropiche sembra essere già tra le cause più diffuse, siano queste accidentali (collisioni con veicoli) o intenzionali (arma da fuoco, trappole, veleno). Certo, la convivenza con il lupo va gestita con equilibrio e ragionevolezza attraverso un protocollo tra allevatori ed enti interessati che contenga soluzioni efficaci e preventive capaci di ridurre i danni da lupo alla zootecnia e non solo”.

"Dunque – avverte da parte sua Tondo – non serve alimentare allarmismi ingiustificati, ma sono molto più utili un’attenta vigilanza e le giuste contromisure per affrontare il problema a livello regionale".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (8)

  • Non sapevo mangiassero persone! Comunque un po' più di vigilanza e tutto si risolve. Salvaguardiamo la natura!

  • Nonostante l'uomo ci metta sempre il massimo impegno per devastare e distruggere la natura fa piacere vedere che essa a volte vince. I lupi sono creature bellissime!

  • Era da moltissimi anni che in Puglia non si sentivano parlare di lupi ora che sono tornati bisogna tenerli abbata che quelli non mangiano solo gli animali da ovile ma mangiano anche le persone

    • Ti mangiano solo se ti vesti come cappuccetto rosso...

    • anche i cervelli sopratutto.

  • molto meglio i lupi degli umani...ma non c'é proprio paragone!

  • Povero cappuccetto rosso....

  • Grazie Madre Natura, per dimostrarci quanto sei bella e grande!

Notizie di oggi

  • Politica

    Election day, l'affluenza alle 12: in calo il dato delle comunali leccesi

  • Nardò

    Si indaga sull’ennesima auto in fumo: forse l’azione di un piromane

  • Politica

    Mercatone Uno, fallisce la società. Dramma occupazionale per 123 famiglie

  • Incidenti stradali

    Collisione con handbike, disabile ferito e autista positivo alla cannabis

I più letti della settimana

  • Fuori strada di notte con la Mercedes, viene ritrovato morto all'alba

  • Cosparso di escrementi e bruciato con le sigarette a 3 anni se si opponeva alle molestie: indagati padre e zio

  • Suicida in cella d'isolamento, la madre denuncia: "Mio figlio doveva prendere farmaci"

  • Esplode il distributore di bibite: operaio 23enne in prognosi riservata

  • In tre lo accerchiano sotto casa, commerciante pestato e rapinato

  • Un Rolex inesistente e il finto rimborso. Ed è doppia truffa da 24mila euro

Torna su
LeccePrima è in caricamento