Notizie da Nardò

Cane trovato in centro a Nardò, la proprietaria: “Mai abbandonato, né legato”

La vicenda in via XX Settembre, nel centro neretino. La smentita della donna coinvolta, che ora minaccia azioni legali

Il Comune, a Nardò.

NARDÒ – Nessun cagnolino sarebbe mai stato legato a un palo, né tantomeno abbandonato. La smentita, 24 ore dopo la nota divulgata dal Comune di Nardò, arriva dalla donna coinvolta nella vicenda: la proprietaria, appunto.

Quest’ultima ha rilasciato alcune dichiarazioni, che riporteremo qui di seguito, in cui declina ogni responsabilità, dicendosi pronta a dimostrarlo anche attraverso le videocamere presenti nei pressi della villa comunale neretina. È in via XX Settembre infatti che, stando a quanto riportato dall'amministrazione comunale neretina, sarebbe stato rinvenuto l'amico a quattro zampe.

“Sono a comunicarvi, dopo la notizia apparsa su numerosi quotidiani e per la quale sono stata fatta oggetto di numerose aggressioni verbali su diversi social, relativa ad un presunto abbandono di un cane, che i fatti cosi come narrati non corrispondono  alla reale ed obbiettiva realtà storica.  Corre l obbligo di precisare che nessun cane e' stato abbandonato o legato ad alcun palo. Nei tempi e modi dovuti avrò modo di dimostrare i fatti cosi come realmente accaduti e la mia totale estraneità agli episodi delittuosi a mio danno contestati. Mio malgrado, qualora le differite aggressioni o minacce dovessero proseguire, sarò costretta adire la competente autorità giudiziaria per la tutela del mio buon diritto”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tampona un autoarticolato, donna di 57 anni muore intrappolata

  • Rogo nel negozio per le feste: in manette ex gestore del "Twin Towers"

  • Violento impatto fra due veicoli, ragazza di 19 anni in Rianimazione

  • Cicloturista preso in pieno da un'auto: deceduto dopo il trasporto in ospedale

  • Bimba di 9 anni nel negozio. "Portata in una stanzetta e palpeggiata"

  • Operazione "Vele": mafia, droga e spari, oltre 40 davanti al giudice

Torna su
LeccePrima è in caricamento