Notizie da Nardò

Verifica di fine mandato per Risi. Ritirate le deleghe agli assessori

Dopo la riunione di maggioranza di mercoledì il primo cittadino ha disposto la revoca delle deleghe degli assessori che rimangono comunque in carica sino al varo del nuovo esecutivo. Martedì avvio del confronto con i gruppi politici. "Scatto finale dell'azione amministrativa"

NARDO’ - Al via la verifica di fine mandato, in attesa della tornata elettorale di primavera, a Palazzo Personè con il sindaco Marcello Risi che ha provveduto a revocare le deleghe degli assessori comunali, ma lasciando in auge la giunta per garantire comunque l’operatività dell’esecutivo. E già da martedì prossimo si avvierà il confronto interno con i gruppi della maggioranza e soprattutto con quelle compagini legate alle civiche di sostegno al governo Risi che avevano da tempo chiesto un riequilibrio e una rimodulazione dell’esecutivo per dare maggior impulso all’azione amministrativa in vista della chiusura della legislatura.     

A poco più di ventiquattr’ore dalla riunione degli amministratori della maggioranza neretina di mercoledì scorso, il sindaco Risi ha inteso accelerare la “costruzione” della nuova fase amministrativa, anche in vista del passaggio elettorale della primavera 2016 nella quale si potrebbero creare le condizioni per un nuovo impegno di ricandidatura del primo cittadino uscente. Ipotesi ancora al vaglio, mentre per l’immediato futuro si va verso il varo di una nuova giunta. Con il decreto firmato nella serata di ieri il sindaco ha inteso quindi revocare tutte le deleghe assegnate agli assessori, ma gli stessi, Carlo Falangone, Mino Natalizio, Maurizio Leuzzi, Giuseppe Tarantino, Antonio Filograna, Francesca De Pace, Flavio Maglio, restano in carica, senza attribuzioni specifiche, per garantire il funzionamento della giunta.

“E' necessario affrontare con forte slancio l'ultima fase della consiliatura” scrive nel suo decreto il primo cittadino Risi, “e si richiede, nell'interesse dalla comunità, un forte scatto di iniziativa e di impegno, collegato alle priorità emerse nel confronto tra gli amministratori della maggioranza: centro storico, Piano coste, impianti sportivi, periferie, Pagani-Cenate, Sant’Isidoro, porto turistico, piste ciclabili, metropolitana di superficie, completamento delle opere pubbliche già avviate, reti idriche e fognarie, investimenti turistici e progettazione di nuovi interventi sul litorale”.

Per Risi la ridefinizione degli obiettivi di fine mandato e l'ampio spettro delle programmazioni e delle progettazioni da avviare “richiedono forte coesione fra tutti i gruppi consiliari della maggioranza, dovendo prevalere in questa fase un'ottica di gioco di squadra che non riveli crepe, né incertezze”. E così dopo la battaglia in Consiglio comunale sull’approvazione del bilancio ora da martedì partirà il confronto fra il sindaco e i gruppi consiliari e da qui sarà varata la nuova squadra di governo e avviata la piattaforma programmatica che orienterà l’azione amministrativa sino alla fine del mandato.  

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colto da malore al volante, fa a tempo ad accostare ma poi muore

  • Si recide l'arteria radiale del polso potando i suoi ulivi: 67enne muore dissanguato

  • Un violento scontro fra due veicoli: feriti entrambi i conducenti

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Rimandata a casa con un antidolorifico per l’emicrania, ma aveva un ictus: indagato il medico

  • Dopo la confisca, “testa di legno” per ditta in odor di mafia: sigilli a patrimonio dei De Lorenzis

Torna su
LeccePrima è in caricamento