Notizie da Nardò

Il topo d'appartamento? Era il vicino: anziana lo insegue e lo fa ammanettare

Pierluigi Romano, 24enne, doveva aver pensato che la donna, 72enne, fosse una preda semplice. E invece, dopo aver smontato tapparella e finestra, se l'è trovata davanti, pronta a dar battaglia. Con l'arrivo dei carabinieri, è scattato l'arresto in flagranza di reato

Foto di repertorio.

NARDO’ – Abitano nello stesso palazzo, e continuano a farlo, con una differenza: lei, la vittima, è ovviamente libera di entrare e uscire. Lui, il ladro, fra le quattro mura di casa è costretto a restarci, fino a nuovo ordine del giudice. E già, perché Pierluigi Romano, 24enne di Nardò, già noto alle forze dell’ordine, è stato arrestato dopo che la vicina di casa, di 72 anni, per nulla intimorita dalla figura dell’aitante giovanotto, l’ha inseguito, chiedendo nel frattempo alla figlia di chiamare i carabinieri. Ed è così che il topo d’appartamento è finito in trappola.

Tutto è accaduto nella notte, in un condomino neretino. Romano doveva aver pensato che la vicina fosse una preda facile. E invece, non solo è stato un osso duro, ma gli ha anche fatto ingoiare il boccone amaro delle manette. A tarda ora, quando evidentemente pensava di potersi intrufolare senza problemi, Romano si è addentrato in casa. Ma la donna non stava per niente dormendo. Stava guardano la televisione a basso volume. E davanti, il 24enne, ha finito per trovarsi non una povera vittima smarrita, ma un'anziana pronta a dar battaglia.

Il giovane, infatti, dopo aver forzato una persiana, smontandone le lamelle in alluminio una a una e poi aver svolto lavoro analogo nei confronti di una porta finestra che permette l’accesso alla stanza da letto, s’è trovato di fronte ad una sorpresa. Anzi, si può dire che la sorpresa sia stata reciproca. I loro sguardi, infatti, si sono incrociati per un interminabile istante.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

romano-4“Non chiamare i carabinieri”, avrebbe intimato il giovane, intimorito dalle conseguenze. Disturbata nella sua intimità, con una persiana e una finestra sfasciate (un danno non da poco, che dovrà ovviamente essere risarcito), per giunta minacciata, la 72enne, piuttosto che spaventarsi, è andata su tutte le furie: gli è quindi corsa dietro, mentre avvertiva la figlia, che a sua volta chiamava i carabinieri. E nel giro di pochi minuti, con l’arrivo della pattuglia, la vicenda s’è conclusa con l’arresto. Nonostante una corsa estenuante, Romano è infatti stato raggiunto e placcato. Ora deve rispondere di tentato furto aggravato in abitazione. E’ stato destinato ai domiciliari. E di sicuro, la vicina ogni tanto getterà un occhio, vegliando che non esca.   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "La moneta da 1 euro non c'è più nel carrello". E lui chiama la polizia

  • Infezione da Covid-19: sono 56 i casi positivi nel Salento, 6 a Lecce

  • Nessuno stupro a Gallipoli: falso allarme, i due appartati prima del collasso

  • Cade dagli scogli in un punto impervio, ferito recuperato con l'elicottero

  • Covid, quattro casi e un decesso nel Leccese. Movida: controlli straordinari

  • Tragedia in ospedale: si lancia dal quarto piano, muore donna 73enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento