Notizie da Nardò

Festività natalizie “tranquille”, Mellone ci riprova. Stop ai botti sino all’inizio di gennaio

Torna l’ordinanza del sindaco che vieta l’accensione, il lancio e lo sparo di fuochi d’artificio, mortaretti e petardi per tutelare incolumità delle persone e serenità degli animali

Petardi e fuochi d'artificio.

NARDO’ – Anche per quest’anno niente botti a Natale e Capodanno in quel di Nardò. Almeno sulla carta. Torna in vigore con la stessa tempistica dello scorso anno l’ordinanza a firma del sindaco Pippi Mellone a tutela della incolumità delle persone e della quiete pubblica. Già a partire dalle 19 della vigilia di Natale e sino alle 7 di martedì 8 gennaio non sarà consentito, infatti, sul territorio comunale accendere, lanciare e sparare fuochi d’artificio, mortaretti, petardi, bombette e simili.

Il divieto è contenuto nell’ordinanza del 20 dicembre scorso, a firma del primo cittadino, con cui si vogliono azzerare i rischi della consuetudine dell’accensione e del lancio di fuochi d’artificio nel corso delle giornate del Santo Natale e degli ultimi giorni dell’anno. In particolare, questa usanza implica il pericolo di danni alla incolumità delle persone e degli animali e una serie di conseguenze per la quiete pubblica in ambito urbano e soprattutto in prossimità di scuole, uffici pubblici e luoghi aperti al pubblico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I Comuni, in base alla vigente normativa, non possono vietare la vendita degli artifici pirotecnici negli esercizi abilitati quando si tratta di prodotti legali e per i quali è consentita la commercializzazione, ma possono disciplinarne le modalità e i tempi di utilizzo. La violazione dell’ordinanza comporta l’applicazione di sanzioni amministrative di importo compreso tra 25 e 500 euro, il sequestro del materiale e la successiva confisca, fatte salve eventuali e ulteriori sanzioni penali. L’amministrazione comunale neretina, per quanto possibile, ha ritenuto anche quest’anno di disciplinare una consuetudine che in questo periodo dell’anno rappresenta, spesso e volentieri, un pericolo per l’incolumità di tutti, oltre che un disturbo per la quiete pubblica e una minaccia per la serenità degli animali, non solo domestici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Coronavirus: 50 nuovi in Puglia, 6 in provincia di Lecce. E un positivo al voto a Nardò

  • Furgone sbanda, finisce contro l’albero e prende fuoco: un ragazzo in coma

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento